fbpx

Come vendere con eBay: conviene davvero?

dixit

Occupare spazi condivisi costa poco, ma perdere l’esclusività costa tanto.

Vendere con eBay, oggi, è forse una delle scelte più praticate da chi desidera potenziare il proprio business sul web in modo semplice e veloce.
eBay non ha bisogno di presentazioni: è la famosissima piattaforma di vendita online, gratuita e made in USA, che ormai da anni rappresenta, insieme ad altri colossi come Amazon, Alibaba ed Etsy, il punto di riferimento per rivenditori e acquirenti di tutto il mondo.

Una delle caratteristiche di eBay è che consente di vendere beni sia in qualità di rivenditore semplice, “amatoriale”, che in qualità di rivenditore professionale, ovvero legato ad un “negozio” virtuale. I rivenditori professionali hanno un account business (che, per intenderci, potremmo definire account aziendale), grazie al quale possono strutturare e gestire in modo più completo i propri movimenti commerciali.

Dopo il successo esponenziale del commercio online, successo registrato soprattutto negli ultimi anni, molti proprietari di brand, piccole aziende o negozi, hanno valutato la possibilità di vendere con eBay ed espandere il proprio giro d’affari rivolgendosi ad un pubblico sempre più ampio.
Tuttavia, nel momento in cui si valuta un’opportunità del genere, subentra automaticamente la domanda “vendere con eBay conviene davvero?” Proviamo a dare una risposta per capirlo.

Come funziona eBay

Innanzitutto, prima di analizzare vantaggi e svantaggi di vendere con eBay ricapitoliamo brevemente che cos’è e come funziona. eBay è un marketplace, ovvero una piattaforma a cui possono appoggiarsi più rivenditori contemporaneamente per caricare e vendere i propri prodotti. Quindi proprio come Amazon, Subito.it e altri, anche eBay mette in contatto acquirenti e venditori. Per questo motivo si presenta come un sito ricchissimo di articoli di vario genere e categoria, commercializzati da soggetti differenti.

Ma come fare per vendere con eBay? Chi desidera registrarsi sulla piattaforma per vendere online può farlo adottando una delle due seguenti modalità:

  • con un account standard: questo account è riservato a chi non esercita grosse quantità di vendite. La registrazione è gratuita e, fino a 50 annunci destinati ad articoli messi in vendita, non ci sono costi aggiuntivi (a parte specifici dettagli extra, facoltativi, da aggiungere alle proprie inserzioni); inoltre, in ogni momento, sarà possibile monitorare le attività di compravendita e mettersi in contatto con gli utenti. La partita iva non occorre, in quanto si presume che le vendite registrate da un account standard non siano una vera e propria fonte di guadagno.
  • con un account professionale: questo account è riservato a chi desidera usare eBay al pari di una vera e propria attività commerciale e accrescere così il proprio fatturato. La registrazione è regolata da un abbonamento, il cui costo varia in base al profilo scelto. Si hanno a disposizione fino a 250 inserzioni gratuite, ed è necessario, al momento dell’iscrizione, inserire i dati di fatturazione. In questo caso le vendite sono considerate una vera e propria fonte di guadagno.

Creare inserzioni per vendere con eBay è semplice e abbastanza intuitivo, per questo tantissimi utenti in tutto il mondo scelgono questo strumento per vendere online. Tuttavia, per chi cerca una soluzione efficace da inserire all’interno di una precisa strategia di vendita, dovrebbe considerare strumenti più professionali, come la creazione di una piattaforma propria. Se si hanno poche conoscenze in materia o non si è sicuri che vendere con eBay possa essere la scelta giusta, è sempre meglio confrontarsi con un esperto di marketing online.

Quali sono gli svantaggi di vendere con eBay

Diversi, quindi, sono i vantaggi di vendere con eBay, come l’essere esposti su una delle piattaforme più frequentate dagli acquirenti e un conseguente potenziale aumento delle vendite. Tuttavia ci sono anche alcuni svantaggi che bisogna considerare prima di scegliere questo strumento per vendere online.

Ecco un elenco delle principali caratteristiche che potrebbero dissuadere dallo scegliere eBay:

  • Commissioni: uno tra gli svantaggi più lamentati dai venditori sono le commissioni sulle vendite. Questa corrisponde al 10% del prezzo del prodotto e si applica su ogni articolo, nessuno escluso. Ulteriori commissioni del 4% circa, inoltre, saranno applicate sulle transazioni Paypal.
  • Costi extra: superata la soglia degli annunci gratuiti, scatta il costo per gli annunci successivi. Il costo non è fisso ma varia per categoria. Inoltre per rendere più accattivante il proprio annuncio con descrizioni o incentivi all’acquisto potrebbe essere necessario dover pagare ulteriori costi (anche in caso di annuncio gratuito).
  • Spedizioni:chi decide di vendere con eBay dovrà occuparsi personalmente della spedizione. Questo significa o provvedere personalmente all’invio della merce o pagare un soggetto specifico perché se ne occupi. La piattaforma, infatti, non offre un servizio a cui appoggiarsi.
  • Nessun tipo di personalizzazione: eBay non è un ecommerce, è un marketplace. Per capire la differenza tra ecommerce e marketplace potremmo fare un esempio esaustivo: un ecommerce è paragonabile ad un negozio curato in ogni dettaglio, personalizzato nel modo in cui desidera il proprietario, con gli articoli sistemati per categorie e tutti gli strumenti per agevolare gli acquisti dei propri prodott. Il marketplace, invece, può essere paragonato ad un centro commerciale, dove un acquirente si sposta da un negozio all’altro. Come è facile immaginare, il rivenditore dovrà fronteggiare una forte concorrenza, cosa che sul proprio ecommerce non si verifica.

Ecco, quindi, gli svantaggi più evidenti di vendere con eBay, una piattaforma che per piccole vendite sporadiche può essere considerata idonea, ma nel caso di un giro d’affari più ampio dovrebbe cedere il posto ad una scelta più solida e indipendente.

Come aprire il tuo shop online

Se dopo aver letto questo articolo credi che vendere su un marketplace non sia adatto alle tue esigenze e sei alla ricerca di uno strumento professionale considera l’ipotesi di aprire un tuo ecommerce.
Gli ecommerce, ad oggi, sono uno strumento molto utilizzato da venditori e acquirenti, che sempre più spesso preferiscono acquistare sul web.

Se desideri intraprendere questo percorso, ma non conosci costi, soluzioni e vantaggi, contattaci e richiedi una consulenza.
La nostra agenzia cura da sempre la comunicazione e il commercio online di clienti grandi e piccoli, offrendo soluzioni personalizzate in base ai servizi richiesti. Contattaci e richiedi maggiori informazioni sui nostri servizi.

Richiedi una consulenza

L’autore

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

immagine in copertina: Wikimedia Commons

Leggi anche

×

Salve!

Collegati con WhatsApp o invia una email a info@acquistionline.it

×